INDICI AZIONARI
Rialzo
Stabile
Rialzo
Stabile
News Finanza
20/01/18 17:59 (ASCA) Enel a Cortina con Audi Italia per sviluppo mobilità elettrica Con il comune ampezzano accordo per colonnine pubbliche ricarica Roma, 20 gen. (askanews) - A un (...)
Con il comune ampezzano accordo per colonnine pubbliche ricarica Roma, 20 gen. (askanews) - A un mese dall'annuncio Enel e Audi Italia tornano a Cortina per illustrare ulteriori dettagli dell'accordo che prevede soluzioni specifiche dedicate a chi acquisterà la nuova Audi e-tron, primo SUV 100% elettrico, direttamente presso la rete dei concessionari del Brand dei quattro anelli. Inoltre, per rendere più semplice e senza preoccupazioni la vita di chi guida un'auto elettrica, Enel e il Comune di Cortina hanno siglato un accordo per l'installazione di colonnine di ricarica pubbliche nel territorio comunale; rendendo Cortina una delle prime amministrazioni ad aderire al Piano nazionale infrastrutturale presentato a novembre presso l'autodromo di Vallelunga dal Gruppo elettrico. Lo comunica una nota congiunta. "Siamo contenti di essere di nuovo a Cortina per proseguire a raccontare il nostro impegno per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia - afferma Francesco Venturini, responsabile Enel X - l'accordo con Audi Italia permetterà a chi acquisterà un'auto elettrica di sottoscrivere e organizzare tutte le operazioni per l'installazione di una infrastruttura di ricarica privata parlando con un unico interlocutore. Inoltre, sarà possibile fare il pieno di energia anche presso una delle colonnine di ricarica pubbliche che installeremo a Cortina grazie all'accordo col Comune ampezzano. "Il percorso verso la mobilità a zero emissioni attraverso l'impiego della tecnologia elettrica è irreversibile ed Audi ne sarà protagonista grazie ad un investimento senza precedenti che prevede un piano di elettrificazione di 20 modelli nel corso dei prossimi 7 anni" ha dichiarato Fabrizio Longo, Direttore Audi Italia.
20/01/18 17:26 (ASCA) Lavoro, Barbagallo: donne autonome solo con parità salari Onu conferma disparità retributiva con uomini Roma, 20 gen. (askanews) - "Anche l'Onu, (...)
Onu conferma disparità retributiva con uomini Roma, 20 gen. (askanews) - "Anche l'Onu, dall'alto della sua autorevolezza, fa emergere il dato della disparità salariale tra uomini e donne. Fino a quando non ci sarà una parità anche dal punto di vista economico, non potranno esserci pari opportunità né vera autonomia. Per ottenere questo risultato, si può agire su molte leve, a partire da quelle culturali e formative; ma, da un lato, il fisco e, dall'altro, la contrattazione restano gli strumento migliori, soprattutto in un Paese come il nostro, per porre rimedio a tali contraddizioni". Così Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil, commenta i numeri dell'Onu sul "gender gap" tra uomini e donne nel mercato del lavoro. "La Uil chiederà un sistema fiscale più leggero per salari e pensioni più pesanti, nell'ambito di una riforma che possa contribuire anche al superamento di questo divario di genere. Inoltre, a livello di contrattazione, si tratterà di implementare forme di conciliazione vita-lavoro, che aiutino le donne sul fronte dell'occupazione e del reddito", conclude il numero uno della Uil.
20/01/18 16:09 (ASCA) Pensioni:Anief-Cisal: maestri infanzia beffati.No finestra per Ape Nessuno avrà possibilità di lasciare il lavoro Roma, 20 gen. (askanews) - Beffati i maestri (...)
Nessuno avrà possibilità di lasciare il lavoro Roma, 20 gen. (askanews) - Beffati i maestri dell'infanzia inclusi nell'Ape Social, l'Inps dà il via libera ma non possono lasciare il lavoro: per loro non esistono "finestre". Questa la nota dell'Anief-Cisal. "Già erano stati pochi i docenti a potersi candidare per aderire all'anticipo pensionistico, fino a circa 3 anni e mezzo, finanziato con un prestito dello Stato: è notizia di queste ore che nessuno di quei maestri ha avuto la possibilità di lasciare il lavoro. E non si sa nemmeno quando potranno farlo, rischiando quindi pure di vanificare il già ridotto anticipo messo loro a disposizione perché individuati tra gli occupati in professioni usuranti", prosegue la nota. "Stiamo assistendo ad una beffa cosmica. I 67 anni di età, cui il Governo Gentiloni ci ha portato, stridono poi non poco con la media Ue, visto che anche il recente rapporto Ocse Pensions at a glance ha confermato che in Europa si continua a lasciare il lavoro a 63 anni. Ci sono Paesi, come la Francia, che consentono agli insegnanti di andare in pensione ancora a 60. Altri, come la Germania, che con circa 25 anni di insegnamento permettono di lasciare il lavoro. Come se non bastasse, va ricordato che ammesso che si riesca ad anticipare l'accesso al pensionamento, questi docenti percepiranno in media un assegno pensionistico ridotto, rispetto al 2011, fino all'8%. Siamo davvero stufi e ci appelliamo ai nostri governanti perché si adoperino, benché a fine legislatura, per attuare quei provvedimenti d'urgenza necessari a non penalizzare ancora una volta i dipendenti della scuola pubblica", conclude la nota di Anief-Cisal.
20/01/18 16:01 (ASCA) Lavoro, Onu: donne guadagnano 23% in meno degli uomini Non c'è un solo paese con parità di retribuzione Roma, 20 gen. (askanews) - Le donne guadagnano (...)
Non c'è un solo paese con parità di retribuzione Roma, 20 gen. (askanews) - Le donne guadagnano in media il 23% in meno degli uomini, "il più grande furto della storia". Lo dicono in numeri diffusi dall'Onu. Non c'è "un solo paese ne' un solo settore in cui le donne abbiano gli stessi stipendi degli uomini" sottolinea la consigliera delle Nazioni Unite Anuradha Seth. In soldoni per ogni dollaro guadagnato da un uomo, una donna invece guadagna 77 centesimi, è la misura del cosidetto "gender gap". In Italia e Lussemburgo, il differenziale a sfavore delle donne è del 5%, il più basso d'Europa ma, ad altre latitudini, come in Corea del Sud si tocca un picco del 36%. Il gender gap cresce con l'età e in funzione dei figli: con ogni nascita cle donne perdono in media il 4% del loro stipendio rispetto a un uomo; per il padre il reddito aumenta invece di circa il 6%. Una dimostrazione secondo Seth del lavoro familiare non retribuito che le donne continuano a svolgere. Secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro i dati relativi al 2015 mostrano che il 76,1% degli uomini in età lavorativa è parte della popolazione attiva, contro il 49,6% delle donne. Con questo andamento, avverte l'Onu, ci vorranno più di 70 anni per porre fine al divario salariale tra uomini e donne.
20/01/18 15:31 (ASCA) Acli Terra: eletto il nuovo Comitato nazionale Presidente sarà nominato nella prima seduta del Comitato Roma, 20 gen. (askanews) - Si è conclusa (...)
Presidente sarà nominato nella prima seduta del Comitato Roma, 20 gen. (askanews) - Si è conclusa con l'elezione del Comitato nazionale, la seconda e ultima giornata del VI Congresso di Acli Terra che si è celebrato a Roma e ha trattato il tema delle nuove frontiere dell'agricoltura in Italia. Lo comunica una nota dell'Acli. L'ampio dibattito ha registrato la volontà dei delegati di portare avanti un progetto di valorizzazione e di espansione della realtà agricola aclista, una prospettiva basata sulle linee guida della relazione del presidente uscente, Giuseppe Cecere. "Sono soddisfatto dell'opera svolta in questi anni, un lavoro di squadra basato sulla diffusione delle responsabilità" ha affermato Cecere, dopo aver ringraziato i 125 delegati che hanno partecipato al Congresso. Il nuovo Comitato è composto da: Emanuele Brescia, primo degli eletti, Antonino Ziglio, Antonio De Donno, Gianluca Mastrovito, Antonio Gallo, Claudio Romanò, Francesco Sderlenga, Gaspare Carbone, Michele Zannini, Sebastiano di Stefano, Salvatore Ruio, Cosimo Lo Martire, Mario Floris, Luca Conti, Rosario Cavallo, Giuseppe Cecere, Tommaso Pupa, Marco Rametta, Salvatore Notararigo, Flavio Sandri, Sabrina Verde, Nicola Tavoletta, Aranna Zizzo, Bruno Cammarota, Giuseppe Peralta, Luigi Vecchio, Carmelo Balbo, Daniele D'amario, Giovanni Perito. Eletti nel collegio nazionale dei Probiviri di Acli Terra: Ernesto Placidi, Gavino Pinna, Ignazio Caturo, Antonino Tranchina e Michele Altobella. Il nuovo presidente nazionale di Acli Terra sarà eletto nella prima seduta del Comitato in programma nelle prossime settimane.
Analisi mercato
19/01/18 16:59:22 L‘azionario europeo si avvia a chiudere positivamente una settimana che ha visto segnare record sui listini asiatici e confermare tutta la sostenutezza dei mercati statunitensi. L'indice di Milano compie un altro importante passo verso l'obiettivo 24.000 e, più in generale, verso la banda 24.000/24.300, che rappresenta lo spartiacque tecnico tra l'attuale buona intonazione e l'avvio di un impulso rialzista molto strutturato, che avrebbe in teoria molto margine di sviluppo a disposizione per i mesi a venire. Un sostegno oggi viene dal bollettino economico di Bankitalia, che stima il Pil italiano sia aumentato dell‘1,5% nel 2017 e cresca dell‘1,4% nel 2018 e dell‘1,2% nel biennio 2019/2020. Sull'obbligazionario, Btp in territorio positivo, in scia alla positività dei titoli della Spagna, che potrebbe essere oggetto questa sera stessa di una promozione del rating Fitch. Meno brillante il Bund, che risente più da vicino della pressione sulla curva dei Treasuries. Sul forex, dolalro in recupero nel pomeriggio dopo aver lambito quota 1,23 in mattinata, per effetto dei dubbi che circolano attorno alla questione dell'innalzamento del tetto del debito Usa. Stanotte la Camera USA ha votato una legge d'emergenza che dovrebbe scongiurare lo stop all'attività amministrativa federale (shutdown) fino al 16 febbraio, ma da più parti si sottolinea come manchi ancora il via libera dal Senato, laddove i repubblicani hanno un margine di vantaggio in termini di voti piuttosto ristretto. 
Performance indici azionari ultimi 12 mesi
+21,85%
+24,83%
+15,85%
+32,13%
Performance valute 12 mesi
EURUSD
+14,62%
EURJPY
+10,30%
EURCHF
+9,73%
EURGBP
+2,07%
GBPUSD
+12,31%
USDJPY
-3,84%
Tassi ufficiali
Euro 0.00%
Usa 1.25% - 1.50%
UK 0.50%
Swiss -1.2% - -0.2%
Japan 0.00%
Can 1.00%
Aus 1.50%
Rendimenti Titoli di Stato
BTP 1y : -0,36%
BTP 2y : -0,13%
BTP 3y : +0,15%
BTP 4y : +0,46%
BTP 5y : +0,79%
BTP 6y : +1,11%
BTP 7y : +1,39%
BTP 8y : +1,63%
BTP 9y : +1,82%
BTP 10y : +1,99%