INDICI AZIONARI
Rialzo
Stabile
Rialzo
Rialzo
News Finanza
21/02/17 20:00 PROBLEMI TECNICI MASTERCHART: INDICE NASDAQ NON AGGIORNATO Si comunica che a causa di problemi tecnici in via di analisi e valutazione gli (...)
Si comunica che a causa di problemi tecnici in via di analisi e valutazione gli indici Nasdaq non sono aggiornati. Ci scusiamo per il disagio. MASTER CHART  
21/02/17 17:26 BANCA MEDIOLANUM (-5,6%) IN FORTE CALO SU PAROLE DORIS Tonfo di Banca Mediolanum (-5,6%) nel finale dopo le dichiarazioni dell'a.d. Massimo Doris. Il (...)
Tonfo di Banca Mediolanum (-5,6%) nel finale dopo le dichiarazioni dell'a.d. Massimo Doris. Il manager ha affermato che nel 2017 il gruppo punta a realizzare 5 miliardi di euro di raccolta netta, mentre per i prossimi anni il dividendo sarà almeno di 0,30 euro per azione. Si tratta di indicazioni deludenti dato che nel 2016 la raccolta netta si è attestata a 5,638 miliardi di euro, e il dividendo complessivo è stato pari a 0,40 euro per azione. (Simone Ferradini)
21/02/17 17:10 Moody's Corporation (-0,3% al NYSE): Morgan Stanley peggiora valutazioni Moody's Corporation (-0,3% a $112,61 al NYSE): Morgan Stanley peggiora raccomandazione da (...)
Moody's Corporation (-0,3% a $112,61 al NYSE): Morgan Stanley peggiora raccomandazione da overweight a equalweight, riduce target da 114 a 112 dollari. (SF)
21/02/17 17:07 Marriott International (-1,4% al NASDAQ): SunTrust peggiora raccomandazione Marriott International (-1,4% al NASDAQ): SunTrust peggiora raccomandazione da buy a hold. (SF)
Marriott International (-1,4% al NASDAQ): SunTrust peggiora raccomandazione da buy a hold. (SF)
21/02/17 17:07 MEDIACONTECH, RISULTATI DEFINITIVI DELL'OFFERTA EISS Ai sensi dell'articolo 41, comma 6, del Regolamento Emittenti, Europa Investimenti Special (...)
Ai sensi dell'articolo 41, comma 6, del Regolamento Emittenti, Europa Investimenti Special Situations (EISS, Offerente), facendo seguito a quanto già comunicato in data 17 febbraio 2017, rende noti i risultati definitivi, al termine del relativo periodo di adesione, dell'offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria, promossa dall'Offerente sulla totalità delle azioni di Mediacontech , ai sensi degli articoli 102 e 106, comma 1, del Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. I termini utilizzati con la lettera iniziale maiuscola nel presente comunicato, se non altrimenti definiti, hanno il significato ad essi attribuito nel documento di offerta approvato dalla Consob con delibera n. 19860 del 26 gennaio 2017 e pubblicato in data 27 gennaio 2017 (il Documento di Offerta). Sulla base dei risultati definitivi comunicati da Banca Akros S.p.A., in qualità di Intermediario Incaricato del Coordinamento della Raccolta delle Adesioni, sono state portate in adesione, durante il Periodo di Adesione, numero 5.725 azioni di Mediacontech, pari allo 0,031% circa del capitale sociale dell'Emittente e allo 0,147% circa delle Azioni Oggetto dell'Offerta, per un controvalore complessivo, calcolato sulla base del Corrispettivo Base, di euro 2.710,47. Il Corrispettivo Base dovuto ai titolari delle Azioni Oggetto dell'Offerta portate in adesione all'Offerta, pari a euro 0,473444 per azione, sarà pagato agli Aderenti in data 22 febbraio 2017, corrispondente al terzo Giorno di Borsa Aperta successivo alla chiusura del Periodo di Adesione, a fronte del contestuale trasferimento del diritto di proprietà su tali azioni a favore dell'Offerente. Inoltre, in aggiunta al Corrispettivo Base, l'Offerente riconoscerà agli Aderenti, per ciascuna Azione Oggetto dell'Offerta apportata all'Offerta nel corso del Periodo di Adesione, il diritto a ricevere ulteriori importi in denaro, ossia il Corrispettivo Ulteriore Delta e il Corrispettivo Ulteriore Ex-AD, ai termini e alle condizioni contemplati nel Documento di Offerta. Si segnala che, durante il Periodo di Adesione, l'Offerente e le Persone in Concerto non hanno effettuato, né direttamente né indirettamente, acquisti aventi ad oggetto azioni ordinarie di Mediacontech al di fuori dell'Offerta. Tenuto conto delle Azioni Oggetto dell'Offerta portate in adesione all'Offerta, sulla base dei risultati definitivi di cui sopra, nonché delle numero 14.548.770 azioni di Mediacontech, rappresentative del 78,892% del capitale dell'Emittente, già di proprietà dell'Offerente alla Data del Documento di Offerta, l'Offerente verrà a detenere complessive numero 14.554.495 azioni di Mediacontech, pari al 78,923% del capitale sociale dell'Emittente. Alla luce del mancato raggiungimento, da parte dell'Offerente, di una partecipazione superiore al 90% del capitale sociale dell'Emittente, non sussistono i presupposti richiesti per l'adempimento, da parte dell'Offerente, dell'Obbligo di Acquisto ex art. 108, comma 1 del TUF, dell'Obbligo di Acquisto ex art. 108, comma 2 del TUF e dell'obbligo di ripristinare il flottante. Inoltre, in considerazione dell'apporto all'Offerta, da parte degli Aderenti, per effetto delle adesioni all'Offerta medesima, di un numero di azioni inferiore alla metà delle Azioni Oggetto dell'Offerta, come indicato nell'Avvertenza A.10 e nella Sezione F, Paragrafo F.1.1, del Documento di Offerta, non si sono verificati i presupposti per la Riapertura dei Termini, ai sensi dell'articolo 40-bis del Regolamento Emittenti. * * * Il presente comunicato è emesso da Europa Investimenti Special Situations S.p.A. e diffuso da Mediacontech S.p.A., su richiesta della medesima Europa Investimenti Special Situations S.p.A. (GD)
Analisi mercato
21/02/17 17:16:09 Piazza Affari recupera terreno nella seconda parte della giornata grazie ai buoni dati macro europei, al rialzo del greggio ed allo spiraglio politico per un accordo in extremis offerto dal Partito Democratico (a Direzione in corso). La performance dell'indice FTSE-MIB, inferiore al DAX tedesco e poco influenzato dai continui record dell'indice usa DJ, viene vista comunque con una certa prudenza degli investitori, per la percezione di diffusa incertezza politica in Europa in vista delle molte scadenze elettorali. L'indice rimane peraltro al di sotto - anche se di poco - alla resistenza 19.200/19.300, il cui superamento appare sempre più necessario se si vuole allontanare il pericolo di una ricaduta del mercato verso il basso e se si vuol credere ad un mese di marzo potenzialmente favorevole. Sull'obbligazionario, la situazione del BTP decennale appare in lenta evoluzione rialzista, nel senso che si sta probabilmente cercando di costruire una base sulla quale far leva al fine di recuperare i livelli della prima decade di gennaio, mentre per il BUND i livelli d'inizio d'anno sono già stati raggiunti e potrebbero a breve essere oltrepassati per dare il via ad un più convincente impulso ascendente. Sul forex, il dollaro torna a premere verso l'alto contro euro e ci aspettiamo allunghi verso 1,042 nei prossimi giorni, a contatto quindi con i massimi di fine anno che, in qualità di resistenza, potrebbero per qualche tempo contenere lo slancio in atto.
Performance indici azionari ultimi 12 mesi
+9,21%
+20,57%
+25,99%
+25,34%
Performance valute 12 mesi
EURUSD
-4,62%
EURJPY
-4,21%
EURCHF
-3,36%
EURGBP
+10,21%
GBPUSD
-13,50%
USDJPY
+0,48%
Tassi ufficiali
Euro 0.00%
Usa 0.50% - 0.75%
UK 0.25%
Swiss -1.2% - -0.2%
Japan 0.00%
Can 0.50%
Aus 1.50%
Rendimenti Titoli di Stato
BTP 1y : -0,19%
BTP 2y : +0,17%
BTP 3y : +0,45%
BTP 4y : +0,67%
BTP 5y : +1,13%
BTP 6y : +1,41%
BTP 7y : +1,77%
BTP 8y : +1,99%
BTP 9y : +2,21%
BTP 10y : +2,28%